Il cuore non basta: avanzano i Giaguari

Si interrompe a Torino, ai quarti di finale dei playoff, la stagione dei Daemons, autori peraltro di una delle prove più convincenti di questo campionato.

A sbarrare la strada ai rossoneri sono i temibili Giaguari che arrivano da una perfect season che lascerebbe pensare ad una partita a senso unico.

E invece sono proprio i nostri a rispondere subito presente: Baidal al secondo snap trova benissimo Greselin sulla dx ed è bravo il numero 89 a correre per 70yd e mettere i primi punti sul tabellone evitando due placcaggi.

Brutto snap sul PAT e il risultato rimane sul 6-0.

L’attacco di Torino stenta a ingranare grazie anche all’aggressività della difesa di Cernusco e allora ci deve pensare la difesa giallonera a suonare la carica: Baidal dopo un bel drive si fa intercettare sulle 25 dei Giaguari e sul ritorno di circa 40 yard ancora Greselin è bravo a metterci una pezza e a evitare il pick six placcando da “ultimo uomo”.

Palla all’attacco dei piemontesi e Dalmasso trova Seck con una palla nell’angolo destro della endzone nonostante il tentativo di Quadrio di contendere palla all’avversario.

Buono il PAT e Giaguari avanti 7-6.

La difesa rossonera continua a tenere a bada i Giaguari costretti a un turnover on down, restituisce palla al proprio attacco e i Daemons ne approfittano subito: Baidal trova Pulsinelli per altre 70 yard e i Daemons si portano avanti 13-6 con il PAT di Greselin.

Nel drive successivo i Giaguari trovano fortuna con le corse: Ghio e Tenconi martellano con costanza la difesa Daemons fino a quando Dalmasso prova a mettere palla in aria e su una slant molto ben eseguita manda Tenconi in endzone.

PAT trasformato e piemontesi avanti 14-13

I Daemons provano a ripartire, ma dopo un 3&out il punt dei rossoneri è raccolto da Ghio che lo riporta fino alle 5 yard Daemons, sorprendendo gli special team di Cernusco in giornata non esattamente memorabile.

Bravo nell’occasione Giulio Quadri a salvare un touchdown che sembrava fatto.

Ma è solo questione di tempo: Dalmasso  esce a destra in scramble e chiude la corsa in endzone portando torino sul 20-13, poi trasformato da un punto.

Nel secondo tempo i Daemons si rifanno sotto e con una corsa centrale di 15 yard di Nuzzi si portano sul 19-21 ma falliscono la trasformazione da 2 punti.

Drive successivo lungo e insisto da parte dei Giaguari fino a un passaggio centrale su Serra che con una bella finta manda fuori tempo Benedetti e Moretti segnando il 27-19.

Il PAT successivo viene ben bloccato dai Daemons.

I rossoneri non mollano e con un drive finalmente convincente si riportano sotto grazie a una corsa centrale di Nuzzi che si porta a casa il secondo touchdown di giornata.

Fallita anche in questo caso la trasformazione da 2 punti e punteggio sul 27-25 per i padroni di casa.

Nell’ultimo quarto è ancora la coppia Dalmasso-Seck a punire la difesa di Cernusco con un passaggio da 8 yard.poi trasformato da Caprioglio per l’allungo decisivo.

Sul 34-25 i Daemons cercano il disperato recupero e non riescono ad approfittare degli errori dei Giaguari che in ben due occasioni vanno a segno ma vedono vanificato ogni sforzo a causa di penalità.

Finisce dunque a Torino un campionato dei Daemons fatto di prestazioni altalenanti. Paradossalmente, le prestazioni più convincenti sono venute quando la squadra si è trovata sotto pressione e perfino in occasione di sconfitte (pensiamo alla partita di oggi, ma anche alla splendida prova di Varese o al secondo tempo contro i Lions nella partita di ritorno).

Il gruppo di coach Cavallini va però elogiato perché non ha mai dato la sensazioni di arrendersi e ha sfoderato a tratti un buon football (in attacco su tutti Greselin, Pulsinelli e Nuzzi), mentre la difesa ha offerto un rendimento tutto sommato costante dimostrandosi reparto affidabile.

Appuntamento alla prossima stagione e buon football a tutti!

Foto: Giuliana Succo

Fonte: Ufficio Stampa Daemons

Foto media:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram