Wild Card a Roma

Pietro MarottaDomenica 2 giugno. Ore 15:00. Stadio Paolo Rosi. Roma
I Daemons scenderanno in campo per affrontare i Grizzlies nella prima giornata di playoff.
E’ la prima volta che le due squadre si incontrano e per questa “prima” siamo andati a fare due chiacchiere con Coach Marotta che, oltre a conoscere bene gli avversari, ci ha svelato un simpatico retroscena.

USD – Iniziamo dai playoff, costati non poca fatica a tutta la squadra.
CM – I playoff erano un traguardo che la squadra poteva, e doveva, raggiungere. Durante la regular season siamo stati penalizzati dall’assenza di alcuni giocatori di esperienza, come Iauch e Bonanno la nostra safety, poi ci siamo complicati la vita da soli perdendo la partita contro i Saints Padova. La squadra però si è immediatamente ripresa e ha dimostrato di meritarsi l’accesso ai playoff.

USD -Assenze che da un lato sono state penalizzanti ma dall’altro positive.
CM -Viste le assenze abbiamo mandato in campo dei giovani senza dargli il tempo di accumulare esperienza, abbiamo rischiato ma siamo stati ripagati con dei gioielli: Stefani, D’Ovidio, Vanni, Benedetti, ma anche Brambilla e tutti gli altri (il coach li ha elencati tutti. N.d.A.). Hanno giocato bene, mi sono proprio piaciuti. Per il futuro siamo messi davvero bene.

USD -Domenica incontrerete per la prima volta i Grizzlies, squadra che tu conosci bene.
CM -A dir la verità li conosco molto bene, a partire dal loro quarterback Iannello, il runningback Morea, il tightend Cingolani, i giocatori del backfield offensivo, coach Bacci, mio collega nella nazionale under 19 che allena la linea di attacco, atleti e tecnici con cui ho condiviso l’esperienza in azzurro. Dopo i Daemons sono la squadra che conosco meglio. I Grizzlies sono molto motivati e preparati in particolare quando affrontano squadre, vedi la vittoria contro gli Elephants Catania, forti come i Daemons.

USD -I Grizzlies ti devono anche un favore.
CM -In un certo senso è così, qualche anno fa ero in vacanza con coach Ventura, e le famiglie, in un villaggio turistico. Uno degli animatori voleva giocare a football americano e, saputo che noi eravamo coach, ci chiese informazioni per iniziare. Gli consigliammo di prendere contatto con i Grizzlies che si erano formati da poco e di cui conoscevamo dirigenti e allenatori. Quell’animatore è Diego Iannello e oggi è il quarterback dei Grizzlies.

USD -Che partita vedremo?
CM -Come ho detto alla squadra non abbiamo nulla da perdere in questa partita, vinci vai avanti perdi sei fuori, devono cercare dentro di loro la forza per passare questo play-off. E’ una partita difficile, contro una squadra giovane, veloce, già finalista lo scorso anno. L’unica cosa che mi sento di dire è che il segreto sta nel carattere e nella tenacia, VINCE CHI E’ CONVINTO DI POTERLO FARE!.

GO DAEMONS

SD – Ufficio Stampa Daemons

Sulla destra foto di Chiara Casiraghi

Pietro Marotta
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram