Daemons-Hogs 20-22

Foto di Juliana JuiceUna partita incredibile quella alla quale i fortunati spettatori dello Scirea hanno potuto assistere, ieri, a Cernusco sul Naviglio.

 

Il record di imbattibilità degli attuali campioni d’Italia di seconda divisione è rimasto in bilico fino ad un minuto dalla fine e anche nei secondi finali i Daemons hanno avuto l’opportunità di riportarsi in vantaggio in una partita che ha visto avvicendarsi le due squadre nel punteggio per ben sette volte.

 

Quello che le due squadre hanno dato alla seconda divisione è un chiaro messaggio. Per quanto riguarda gli Hogs è chiaro che i Reggiani sono una squadra che non è solo capace di vincere le partite in scioltezza: sono in grado di vincere anche le partite tirate e questo è davvero un grande pregio.
Per quanto riguarda i Daemons: che squadra! I Daemons ci sono, più forti che mai e magari, senza qualche errorino, sono anche in grado di battere chiunque.

 

La cronaca:

 

Partita molto dura da entrambe le parti, con difese tignose, che concedevano pochissimo agli avversari.

 

Nel primo quarto erano subito gli Hogs a portarsi in vantaggio con un field goal di Procopio che terminava un drive culminato con una spettacolare ricezione di Montecchi. I Daemons però non si facevano intimorire e, anzi, dopo un tentativo di onside Kick non riuscito dai Reggiani, si portavano in vantaggio grazie alla corsa in TD dell’inarrestabile Crimella.

 

Il secondo quarto cominciava sul 6-3 per i padroni di casa ma gli Hogs si portavano in vantaggio con la corsa di De Cicco. A questo punto della partita, però, pareva chiaro che il Red Wall era in grado di arginare le scorribande di Lazzaretti & Co. e anzi, sul finire del primo tempo, dopo l’intercetto di Montana i Daemons si riportavano in vantaggio sempre grazie ad una corsa di Crimella. Si andava negli spogliatoi con la consapevolezza che a Cernusco non ci sono partite facili.

 

Nel terzo quarto l’attacco demone faticava a trovare spazi nella difesa Hogs e gli ospiti ne approffittavano per portarsi nuovamente in vantaggio con una corsa di Callegati. Sul 16-12 per gli Hogs terminava il terzo quarto e aumentava vertiginosamente la tensione.

 

Tensione che nel quarto periodo diveniva impalpabile. Continui cambi di fronte da ambedue le parti non portavano risultati finchè i Daemons recuperavano un fumble di Fiorillo e nel drive successivo si riportavano in vantaggio grazie alle corse del duo Fantinelli-Bonora. Quest’ultimo, dopo aver siglato il TD del controsorpasso trasformava anche da 2 punti per il 20-16 Daemons. Gli Hogs non mollavano e, dopo un drive inconsistente a testa per le due squadre, si portavano in vantaggio a un minuto dalla fine con Fiorillo. I Daemons, con un minuto da giocare e tutto il campo da fare riuscivano comunque ad arrivare fino alle 23 avversarie dove, a un secondo dalla fine, tentavano la vittoria: il lancio di Crimella, però, cadeva incompleto e il sogno svaniva.

 

Come detto all’inizio, la partita è stata molto dura e gli Hogs hanno tremato come non succedeva ormai da un anno e mezzo in seconda divisione.

 

A fine partita il coaching staff ha chiesto alla squadra di fare tesoro dell’esperienza vissuta ieri. Siamo solo all’inizio e il percorso che li attende è tutt’altro che in discesa.

 

Comunque grandi Daemons!

 

Foto sulla destra di Juliana Juice

Fonte: Ufficio Stampa Daemons

Foto media:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram